Minima Moralia

 

Il problema dei rapporti fra ebraismo e cultura europea non nato con l'emancipazione ebraica - alla fine del Settecento o al principio dell'Ottocento - ma si pone, con tutte le sue componenti, sia convergenti che conflittuali, fin dall'epoca spagnola.

Si parlato di razionalismo ebraico, che si esprime nell'analisi del testo biblico, applicando a questa analisi propri criteri interpretativi. E si parlato di un misticismo ebraico, che si esprime nell'esperienza individuale e collettiva.

Si sono cercate analogie dell'uno e dell'altro con filoni del pensiero cristiano medievale. E si sono viste, nell'uno e nell'altro, nel razionalismo e nel misticismo, le premesse culturali del secolo dei Lumi (...). Sono premesse culturali di carattere metodologico, deduttivo o induttivo, che privilegiano la ricerca sulla scoperta, il dubbio sulla certezza, lo studio sulla fede, i percorsi sulle mete e, in definitiva, il metodo stesso sulle conclusioni. Il mezzo sul fine. Premesse che vanno analizzate nei rapporti col pensiero moderno.

Guido Fubini

 

 dalla premessa agli atti del Convegno "Ebraismo e cultura europea del Novecento", Giuntina 1990

 

Lapide ebraica del Quattrocento al Museo Bellomo (Siracusa)