Ricordi

 

Paola Diena Disegni

di Bruna Laudi

 

Alla fine dello scorso anno ci ha lasciati Paola Diena Disegni.

Ci sono persone che attraversano la nostra vita con discrezione: che sanno essere grandi senza voler apparire. Paola era così: empatica, capace di condividere con sensibilità le gioie e le preoccupazioni di chi le si avvicinava.

Tutto quello che si poteva dire di Lei è stato espresso in modo commovente durante il rito della sepoltura: dolcezza, bellezza, intelligenza, bontà d'animo sono state evocate da tutti quelli che l'hanno ricordata. Non c’è stata retorica, ma il sincero desiderio, da parte di tutti, di condividere e fissare nella mente i ricordi più belli.

Paola era schiva, non amava esibire i suoi successi ma si interessava a quelli degli altri: discrezione ed equilibrio hanno contraddistinto i suoi rapporti con la Comunità.

Laureata in lettere, fece una tesi sul dialetto giudaico - piemontese, fondamentale per ricordare e tramandare l’identità culturale del Piemonte ebraico. Ne pubblichiamo un breve stralcio in cui vengono analizzate e messe a confronto diverse interpretazioni sulle origini e le motivazioni di questa parlata.

In seguito si dedicò all’insegnamento, inizialmente al Liceo valdese di Torre Pellice, esperienza che ricordava sempre con gioia, poi a Torino, mantenendo fino all’ultimo l’entusiasmo per il suo lavoro.

Un grande dispiacere condiviso ha accompagnato le sofferenze di Paola prima e la lacerazione del distacco dopo.

Ci sentiamo tutti impotenti di fronte al dolore della perdita ma siamo comunque arricchiti dal ricordo del suo sorriso.

 

Bruna Laudi

 

Share |