Minima moralia

 

Finché pace e giustizia terrene saranno così fatte, allora qualsiasi firmatario di trattato o di sentenza potrà di volta in volta essere considerato un messia. I Maestri alludono a ben altro. Nel mondo avvenire che annunciano è implicito il riconoscimento, da parte di tutti i contendenti in causa o in guerra, dei rispettivi e reciproci diritti e doveri, meriti e torti, individualità e personalità. … Se il paradosso è lecito, si potrebbe dire che il Messia riuscirà ad arrivare e a dimorare sulla terra quando ogni singolo individuo sarà diventato il messia di se stesso, perché la storia insegna che sono ben pochi gli autentici messaggeri di Verità morti nel proprio letto, e ancora meno quelli a cui il genere umano ha consentito un’esistenza vivibile. I Maestri tengono in gran conto la storia e quindi mirano molto in alto restando però con i piedi ben radicati nel suolo.

 

Giacoma Limentani, Gli uomini del libro. Leggende ebraiche, Adelphi, 1975, nota introduttiva, pp. 17-18

 

Vignetta di Davì

Share |