Minima moralia

 

 

 

 

 

 

Il cattivo lettore è insomma appagato dal fatto che il grande Dostoevskij, proprio lui, fosse vagamente sospettato di una torbida propensione a rapinare e poi assassinare anziani, mentre William Faulkner era certamente incline all’incesto, e Nabokov aveva rapporti con minorenni, Kafka era tenuto d’occhio dalla polizia (e si sa bene che non c’è fumo senza arrosto), mentre Yehoshua appiccava il fuoco ai boschi del Fondo nazionale (se c’è fumo, c’è anche arrosto), per non parlare di quel che Sofocle fece a suo padre e alla sua povera mamma, perché altrimenti come avrebbe saputo descrivere tutto con tale vividezza, anzi più che dal vivo?

 

Amos Oz, Una storia di amore e di tenebra

 

Ventimiglia, in attesa di passare la frontiera, si gioca a domico
(foto di Sara Elter)

 

Share |