Libri

 

La Iudaea e i Romani

di David Sorani

 

Docente di Storia romana all’Università di Torino, studiosa attiva anche sul campo tramite la ricerca archeologica, Chiara De Filippis Cappai ha posto da circa quindici anni la Palestina ebraica e romana al centro dei propri interessi scientifici, compiendo frequenti viaggi di indagine e approfondimento in Israele, paese di cui è ormai ospite abituale e partecipe.

A concretizzare l’esito di tali studi esce ora un volume sulla storia ebraica dal II secolo a.C. al II secolo d.C., l’epoca - appunto - in cui si svolge il rapporto politico, sociale, culturale dello Stato ebraico antico con Roma: dai primi contatti diplomatici ancora in età ellenistica, alle forme di controllo e di indiretto dominio romano, sino alla guerra, alla distruzione del Secondo Tempio e di Gerusalemme che lascia il posto a Aelia Capitolina, agli esiti tragici dell’assedio a Massada e infine all’eroica inutile rivolta di Bar Kochbà. Si tratta del primo contributo completo e importante di uno storico italiano intorno a un argomento di così vasta portata, uno studio degno di figurare accanto ai non molti saggi esistenti sul tema a livello internazionale. Altri lavori storici significativi, infatti, coprono un ambito cronologico o un settore di ricerca più limitato. Dalla visione d’assieme che ne emerge è possibile ricavare un profilo chiaro e motivato del complesso sviluppo di legami, di influenze, di rapporti tra regno degli Asmonei e della dinastia di Erode da un lato, e potere politico e mondo romano dall’altro. Quali furono i caratteri dello Stato ebraico in questo periodo a cavallo tra età ellenistica e piena età romana? Fino a che punto, in quali ambiti, con quali contenuti la realtà ebraica di Palestina fu, durante quest’epoca, “romanizzata”? Come si arrivò alla vera e propria guerra di conquista da parte di Vespasiano e di Tito? Quali aspetti ebbe la resistenza ebraica? Come si giunse poi alla rivolta aperta di Bar Kochbà? E quale diffusione essa ebbe? Fu isolata ribellione di pochi o vera e propria rivoluzione popolare? Il confronto con un saggio così articolato e denso, ma anche di così piacevole lettura, permette di rispondere con consapevolezza a queste e ad altre domande sull’argomento.

Insomma, il bel libro di Chiara De Filippi Cappai si pone da oggi come un punto di riferimento irrinunciabile per chiunque - studioso, studente o semplice curioso della materia - voglia avere adeguata conoscenza di un periodo così drammatico e decisivo della storia ebraica.

David Sorani

 

Chiara De Filippis Cappai, Iudaea. Roma e la Giudea dal II secolo a.C. al II secolo d.C., Edizioni dell’Orso, Alessandria 2008, pagg. 429, 35

   pagina precedente                 pagina seguente