Libri

 

L’emancipazione ebraica in Toscana

 di p.d.

 

In occasione delle celebrazioni dei centocinquanta anni dell’Unità d’Italia, il 28 febbraio e il 1° marzo si è tenuto un convegno, i cui lavori si sono svolti a Livorno, a Pisa e a Firenze, su “L’emancipazione ebraica in Toscana e la partecipazione degli ebrei all’Unità d’Italia”; gli atti sono ora stati pubblicati a cura di Dora Liscia Bemporad, con una introduzione della curatrice.

Si intrecciano negli interventi le aspirazioni di liberazione ed emancipazione degli ebrei e di liberazione e indipendenza nazionali. L’attenzione è naturalmente rivolta alla realtà toscana, alle caratteristiche particolari delle Comunità regionali (ad esempio si ricorda che Livorno fu l’unica città in Italia a non avere un ghetto), all’educazione, alla tipografia, all’architettura, alle attività produttive dell’epoca.

A sollecitare l’interesse dei lettori si segnalano - non potendo per ragioni di spazio commentare gli interventi singolarmente - gli argomenti trattati e gli autori:

Giovanni Cipriani : Il ruolo delle minoranze nel processo unitario

Bruno Di Porto: Gli ebrei nella vita e nella cultura politica italiana dal Risorgimento alla fine dell’Ottocento

Fabrizio Franceschini: Emancipazione, polemica antiebraica e satire ebraizzanti nella Livorno dell’Ottocento

Liana Elda Funaro: Percorsi dell’emancipazione nella Università israelitica livornese: Isacco Rignano fra comunità e città

Giovanna Grifoni: Patriottismo e bibliofilia nel Fondo della Miscellanea D’Ancona

Silvia Guetta: L’educazione dai Ghetti alle Scuole dell’Italia unita

Guido Guastalla: La tipografia ebraica in Livorno e la casa editrice Salomone Belforte & C. dall’Emancipazione ad oggi.

Dora Liscia Bemporad: Gli ebrei alla prima Esposizione di prodotti Agrari, Industriali e di Belle Arti dell’Italia Unita

Eva Karwacka Codini: Il tempio israelitico di Pisa:Marco Treves e la ricerca di uno stile sinagogale

Renzo Funaro: Tra tradizione e innovazione ottocentesca: il Tempio Monumentale Ebraico fiorentino

p.d.