Libri

 

Da Abramo al Kaddish

di a.s.

A margine della bella e approfondita recensione di Marco V. Borghesi vale la pena segnalare, soprattutto per i lettori ebrei torinesi, che linvisibile parente benefattrice Maria a cui Federico Almansi scriveva nei suoi ultimi anni di vita è Mariuccia Diena che molti certamente ricorderanno alla guida della cartoleria Sacat, che in quegli anni aveva sede in via Principe Tommaso 4, a pochi passi dalla Comunità.

L’ebraismo piemontese, con la sua mentalità e le sue vicissitudini, è peraltro uno dei temi centrali del libro di Emilio Jona. Ma i riferimenti alla cultura ebraica sono costanti in tutto il testo. Non solo il tema del sacrificio di Isacco (citato anche da Borghesi), ma anche la lotta tra Giacobbe e un essere misterioso di cui si parla nella Genesi (Ma ogni volta che si comincia a raccontare una storia significa ingaggiare una lotta non dissimile da quella che intercorse tra Giacobbe e l’Angelo, che fu un confronto vittorioso fino al levarsi dell’alba, ma poi cominciò a riproporsi uguale e oscuro al cominciare di ogni notte), il rifiuto di Federico di convertirsi al cristianesimo per sfuggire alle persecuzioni, le fantasie e riflessioni su Israele contenute nelle sue lettere (strampalate ma non troppo: È un poco come ritornare nella culla, il paese come dici così carico di nemici da sembrare nemico…). Fino al suo funerale ebraico e alla recitazione del Kaddish, di cui è riportato l’inizio sia nel testo aramaico sia in traduzione. Nella tradizione ebraica il ricordo dei defunti si tramanda nominandoli e a volte commemorandoli con un limmud, cioè uno studio, una lezione, uno scritto in loro onore. Emilio Jona scrivendo Il celeste scolaro si è inserito nel solco di quella tradizione. Insomma, l’identità ebraica attraversa l’intero libro come un filo sottile ma tenace, come un linguaggio famigliare in cui noi ebrei, in particolare se piemontesi, ci sentiamo a nostro agio. E questo sarebbe, se ce ne fosse bisogno, un motivo in più per leggere Il celeste scolaro.

a.s.

 

    

Share |