Shabbaton

 

 

Magari

 

Noi, gagliardi rampolli della società liquida,

che diciamo di avere perso il senso dello Stato,

che con i nostri smart, i nostri app e i nostri twitter

cinguettiamo con l’intero mondo, nostro vicino di casa,

Noi che non abbiamo un obiettivo ideale in comune con gli altri

ma cerchiamo ognuno con affanno una soddisfazione personale sempre nuova,

Noi, velocissimi a cliccare sui nostri tasti virtuali immagini, sillogismi e maledizioni,

Noi che gettiamo alle spalle i secoli, le storie e le faticose costruzioni dei nostri avi,

Noi che possiamo ottenere tutto ciò che vogliamo comprandolo con un dito sul nostro desk,

Noi, giovani e vecchi saccenti della società liquida, 

 

Proviamo a dire ai Russi, ai Cinesi, ai Turchi, agli Egiziani

che loro non hanno uno Stato.

Proviamo a dire ai disperati dei barconi

che loro non hanno un ideale.

Proviamo a dire ai fuggiaschi dai massacri

che loro possono viaggiare velocissimi.

Proviamo a dire ai barboni, agli schiavi dei campi, alle puttane stuprate delle periferie

che loro, basta lo vogliano, possono vedere esaudito con un click ogni loro desiderio.

 

Proviamo solo un momento a dirlo a loro:

Ci risponderanno a milioni:  “MAGARI!” e ci copriranno di liquidi sputi.

 

Davì

 

Sarmede (TV), Aron, oggi al Museo del tempio italiano di Gerusalemme
(disegno di Marina Falco Foa)

 

 

Share |