Italia

 

Minima moralia

 

 

Dalla buia caverna esce

un ladrone per girovagare;

danaro vorrebbe arraffare,

ma trova qualcosa di più prezioso:

trova una polemica

intorno a un niente, un sapere folle,

un vessillo strappato,

un popolo completamente stolto.

 

Ovunque vada, trova

Il vuoto dei miseri tempi;

una situazione in cui può procedere

senza timori,

diventando allora un profeta;

su macerie appoggia

questa canaglia i suoi piedi

e fa sibilare i suoi saluti

nel mondo sbalordito.

 

Avvolto da una veste d’infamia

come offuscato dall’ombra di una nube,

un bugiardo dinanzi al popolo

s’erge presto al potere

grazie al gran numero d’aiutanti,

di vario ordine e grado,

adocchiando l’occasione

per farsi scegliere alle elezioni.

 

Condividono la sua parola,

che lentamente si diffonde senza sosta,

questi aiutanti, come una volta

coi cinque pani

fecero gli apostoli!

Prima mentiva solo quel cane,

adesso a mentire sono un migliaio d’aiutanti;

come rintonasse una tempesta

sfruttando così il proprio talento.

 

Cresce bene quello che è stato seminato,

trasformati si sono i paesi,

la massa vive nella vergogna

mentre ride colui che ha commesso

simili atti!

…..

 

Gottfried Keller (1819-1890), da I calunniatori pubblici (citato da Hannah Arendt-Joachim Fest, Eichmann o la banalità del male, Intervista, lettere, documenti - Giuntina, 2013)

 

   

Share |