Torino

 

 

Emergenza umanitaria

di Alda Guastalla

 

In apertura di riunione della Giunta della Comunità ebraica di Torino del 2/9/2015 il Presidente, Dario Disegni, in riferimento al tema “Ponti e Attraversa-menti” della 16ª Giornata europea della cultura ebraica di domenica 6 settembre, ha proposto alla Giunta di invitare il Consiglio ad una riflessione ampia e articolata sull’emergenza umanitaria che si presenta in Europa e di mettere a disposizione di una famiglia di migranti uno degli alloggi della Comunità, per esprimere con un atto concreto la solidarietà ai profughi; la Giunta, all’unanimità, ha approvato la proposta e, in attesa dell’auspicata ratifica da parte del Consiglio (che ha poi avuto luogo, all’unanimità, il 7/9), ha invitato il Presidente ad anticipare la notizia della progettata iniziativa della Comunità già in occasione dell’apertura della Giornata europea. Questa decisione sembra essere stata accolta molto favorevolmente da numerosi iscritti.

Per rendere operativa la proposta si è poi chiesto un incontro in Prefettura: il Presidente e la sottoscritta sono stati ricevuti dal Prefetto che ha mostrato gratitudine per la nostra offerta ed ha accolto la nostra richiesta di dare preferibilmente ospitalità ad una famiglia o a donne con bambini; abbiamo però scoperto che la sola messa a disposizione dei locali non era possibile, ma che, a fronte della corresponsione di una diaria, avremmo dovuto garantire ai profughi un “pacchetto” completo di accoglienza in grado di soddisfare tutte le necessità fondamentali, compresi corsi di lingua italiana e sostegno all’integrazione. Con l’aiuto di Alice Gamba, l’assistente sociale che per conto dell’UCEI collabora con la Comunità, si è quindi predisposto un progetto complessivo di accoglienza che si avvarrà di specifiche figure professionali ma che avrà bisogno anche dell’apporto di un certo numero di volontari, in particolare per l’insegnamento della lingua. Il progetto potrà partire appena sarà completata la sistemazione dell’alloggio, auspicabilmente entro l’inizio di novembre.

Alda Guastalla

 

Eva Fischer, Mercato

    

Share |