LUGLIO 2021 ANNO XLVI - 229 AV 5781

 

 

Libri

 

 

Profumo di fascismo e sali del Mar Morto

Fiorella Fausone

 

 

Il breve romanzo si sviluppa attorno ad un espediente letterario a partire da un evento reale: lo spot della ministra israeliana Ayelet Shaked che si asperge con un profumo di nome fascism.

L'autore, in una tranquilla giornata estiva, si trova sulla terrazza della propria casa romana. All'improvviso il clima cambia ed egli viene catapultato fuori dallo spazio e dal tempo. L'allegoria della tempesta conferisce al testo una sorta di potenza profetica, un monito contro i mali storici di due secoli: il negazionismo della Shoah e ed il cambiamento climatico, come per non dimenticare l'orrore del passato e non incorrere in una nuova terrificante tragedia. Come in sogno, l’autore incontra personaggi della sua famiglia (conosciuti o meno) che si materializzano accanto a lui. Attraverso la figura del nonno, deportato e ucciso ad Auschwitz, dei genitori e di altri parenti, viene rievocata la Shoah anche in relazione ai contesti socio-politici attuali. Nel capitolo intitolato “I nomi” una folata di vento riporta alla memoria volti e persone che appaiono e scompaiono, personaggi che hanno popolato la vita dell’autore e la sua carriera di artista, attore e regista.

Quando il sogno termina, il vento sparisce, l'aria è calma e serena. Non c'è più il nonno né gli altri personaggi rievocati. L'autore si avvicina al proprio portatile sul cui schermo appare il video che mostra, in un’atmosfera molto glamour, la giovane e affascinante ministra israeliana che si inebria di un profumo dal nome Fascism che lo porta a scrivere una mail indignata, penultimo atto prima del temporale conclusivo: “Non è diventando fascisti o sovranisti che si combatte e sconfigge l’antisemitismo, l’antiisraelitismo”. “Quello spot della ministra israeliana è una legge razziale che annulla la mia vita, quella di tanti israeliti e quella di tutti coloro che in quanto israeliti morirono per una spruzzatina di fascism.

Fiorella Fausone

Vittorio Pavoncello, Profumo di fascismo e sali del mar morto, ed. All around, pp. 176, € 15

Share |