MARZO 2021 ANNO XLVI-227 ADAR 5781

 

PRIMA PAGINA

Rimozione forzata
Anna Segre

Torniamo come prima?
Manfredo Montagnana

Tra lo zero e l'uno
Rav Riccardo Di Segni

 

IL GRUPPO DI STUDI
IL BIMESTRALE
LA REDAZIONE
I NUMERI ARRETRATI
CONTATTI
LINKS
NEWS
LE VIGNETTE DI DAVÍ
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 -10
I DISEGNI DI STEFANO
LEVI DELLA TORRE

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10

 

 

 

 

Hamman implora grazia alla regina Ester e il re fraintende l'atto come violenza
(Meghillat Ester 7, 7-8)

Disegno di Stefano Levi Della Torre
 



ISRAELE

La medicina al servizio della pace
Beppe Segre

Sanità, Covid ed elezioni
Dan Rabà

Blocknotes
Reuven Ravenna

Campagna elettorale
Dan Rabà

Partito arabo-ebraico? Non ancora
Giorgio Gomel

Netanyahu e i guardiani della Torà
David Calef


ISRAELE-USA

Ridar voce a chi è in prigione.
Anche a cielo aperto
Alessandro Treves


USA

Tragedia o teatro dell'assurdo?
Donald Trump tra Lear e Ubu, ovvero il carisma della volgarità
Giorgio Berruto

 


 

SPRAZZI DI MEMORIA

Il gioco del Papà: "Capitèla, nanèla"
Franco Segre
 

 


 

STORIE DI EBREI PIEMONTESI:
CASALE MONFERRATO

Ciclone Daria
Arte e impegno

Intervista di Bruna Laudi

a Daria Carmi

 

 

 

 

 

 

Vignetta di Davì

 

 

 

 

 

     Vignetta di Davì

 


RIFLESSIONI

Aldo Zargani sulle aggiunte al seder
(citazione inedita dalla tesi di laurea di Anna Segre)

Idoli, arte e violenza: sei spunti di discussione
David Terracini

Minima moralia
Stefano Levi della Torre


STORIA

Cent'anni dopo Livorno
Manfredo Montagnana

Cerusici, speziali, farmacisti
Emanuele Azzità

Bruno Segre,
difensore storico dell'obiezione di coscienza in Italia
Alberto Bertone

Dall’Archivio Terracini
Oratori in erba

Chiara Pilocane


RICORDI

Simili e diversi:
la mia amicizia con Paolo Foa

Franco Segre

Un ricordo di Leo Contini
Bruno Contini

Se mi sei amico, non chiedermi nulla. Ricordo di Nedo Fiano
Sandro Ventura

Una benefattrice della Comunità
Lia Levi Diena


LIBRI

Haggadà Etz Haim, albero di vita
Franco Segre

A stasera e fai il bravo
Manfredo Montagnana

Teologia laica
Anna Segre

Raccontare la memoria
Giorgio Berruto

Gli ebrei nella storia e nella società contemporanea
Anna Segre

Parole mie con voce tua
Paola De Benedetti

Dalla parte di Giona (e del ricino)
Anna Segre

Rassegna
a cura di Enrico Bosco, Fiorella Fausone e Silvana Momigliano Mustari,
con la collaborazione della biblioteca "E.Artom" della Comunità Ebraica di Torino


NOTIZIE

La vera passione bianconera ebraica (anche per i tifosi del Torino)
Daniel Fishman

 


 

 

 

 

 

 

 

 


Erich Mendelsohn, architetto

In questo numero pubblichiamo alcune delle opere più famose dell’architetto ebreo Erich Mendelsohn (1887 – 1953). Nato nella prussiana Allenstein (oggi la polacca Olsztyn), appassionato di architettura dall’infanzia. Definito maestro dell’architettura espressionista, i suoi progetti si staccano dal rigoroso international style razionalista per l’articolazione dinamica dei volumi. Entusiasta ad un tempo dell’innovativo mondo sovietico degli anni ’20, del dinamismo tecnologico USA, e del fascino del mondo mediterraneo. Ha espresso la sua creatività instancabile in centinaia di opere in Germania, Polonia, Russia, Norvegia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Israele. In quest’ultimo paese ha realizzato edifici per l’Istituto Weizmann di Rechovot, per l’Ospedale Hadassa ed altri sempre a Gerusalemme e Haifa.
 


 

Grazie!


 
La redazione di Ha Keillah ringrazia calorosamente i lettori che ci hanno sostenuto
con le loro generose offerte.

 


 

Share |

 Il contatore è attivo dal 15.11.2015 

contatori visite