LUGLIO 2021 ANNO XLVI-229 AV 5781

 

Prima pagina

Not in our names.
Due generazioni a confronto
Emilio e Beatrice Hirsch

Padre: Nel corso dell’ultima crisi di violenza in Israele, l’appello sui social Not in our names, con il quale un gruppo di giovani, di cui fai parte, si è dissociato dal sostegno incondizionato espresso dalle nostre comunità verso le politiche del governo di Netanyahu nei confronti dei palestinesi ha avuto un effetto dirompente, scatenando una escalation non solo di apprezzamenti ma anche di condanne di ignobile violenza verbale...

 

Bibi, no Bibi, i rabbini e l’Italia
Giorgio Berruto

Tutto in poco più di un mese: l’incapacità di Netanyahu di formare un governo, il disastro del monte Meron, l’incarico a Lapid, gli scontri a Sheikh Jarrah, le posizioni intransigenti e provocatorie...

 

I pericoli della torre d’avorio
Anna Segre

L’idea che i panni sporchi si lavano in famiglia è un’idea meschina, che ci riduce all’impotenza e che non fa il bene della famiglia al cui interno dovremmo lavare i panni sporchi, accanendoci spesso in dispute che diventano anche rivalità personalistiche, guerricciole di potere all’interno di realtà numericamente minuscole. Quindi io credo che non dobbiamo avere paura di esprimerci all’esterno. ...

 

 

IL GRUPPO DI STUDI
IL BIMESTRALE
LA REDAZIONE
I NUMERI ARRETRATI
CONTATTI
LINKS
NEWS
LE VIGNETTE DI DAVÍ
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 -10
I DISEGNI DI STEFANO
LEVI DELLA TORRE

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11

 

La manna cade dal cielo, Esodo 16, 1-5
Disegno di Stefano Levi della Torre


 

 

Vignetta di Davì

Italia

Equilibri pericolosi
David Terracini

Debiti e shemittah
Manfredo Montagnana

 

Israele

Speranza e paura
Emilia Perroni

Società civile e conflitto israelo-palestinese
Giorgio Gomel

Il nuovo governo durerà?
Israel De Benedetti

Abituarsi ai bombardamenti.
L’esperienza di una giovane italiana
Noa Di Porto

 

PALESTINA

ABBASTA!
Persecuzione e rivolta a Ramallah

David Calef

 

STORIA - Israele

Dalla voce celeste alle bandiere bianco-celesti
Alessandro Treves

 

Storie di ebrei TORINESI

Ariel Disegni, medico a Torino
Intervista di Bruna Laudi

 

SToria

Sprazzi di memoria
Franco Segre

Dall’Archivio Terracini
Il viaggio di uno studente
Maria Elena Ingianni

Opporsi alla conversione
Silvia Haia Antonucci

 

LETTERE

Rimozione o ignoranza forzata?
Lucio Pardo

 

 Libri

Il segno è l’uomo
Giorgio Berruto

Il messianesimo e il declino della sinistra
Anna Segre

Moralità
David Terracini

Profumo di fascismo e sali del Mar Morto

Fiorella Fausone

 

Rassegna
a cura di Enrico Bosco, Fiorella Fausone e Silvana Momigliano Mustari,
con la collaborazione della biblioteca "E.Artom" della Comunità Ebraica di Torino

 

RICORDI

Arturo Schwarz
Intervista a Paolo Levi, critico d’arte

 

 Minima moralia

Da Gad Lerner, L'infedele


 

 

per ascoltare la registrazione dell'evento
(31 maggio 2021)

CLICCA QUI

 

 


 


Errata corrige

Nel numero scorso di Ha Keillah (maggio 2021) nella lettera pubblicata a pag. 20 per un errore è risultato il nome del giocatore di cui si parla, Jackie Robinson, come autore della lettera. L’autore è invece Allen Schill. Ci scusiamo con lui e con i lettori.


Sinagoghe italiane

I disegni che presentiamo in questo numero sono di Pierfranco Fabris e sono parte delle illustrazioni del volume Sinagoghe italiane. Raccontate e disegnate, edizione Biblioteca dell'Immagine, 2021, realizzato in collaborazione con il giornalista Adam Smulevich, recensito nella rassegna nel numero di marzo di Ha Keillah. Fabris è nato nel 1948 a Venezia dove vive e lavora. Ha esercitato la professione di architetto per quarant'anni fino al 2015 e da allora si dedica totalmente alla pittura. Tra l’altro sono stati da lui illustrati, sempre per l’editore Biblioteca dell’Immagine, venti volumi sull’arte e l’architettura di Veneto, Friuli, Venezia Giulia, Piemonte e Liguria. Ha nel corso degli anni presentato i suoi lavori in mostre personali e collettive.


Grazie!


 La redazione di Ha Keillah ringrazia calorosamente i lettori che ci hanno sostenuto
con le loro generose offerte.


Gustavo Jona, un torinese che da circa 60 anni vive in Israele, dove ha formato una bella famiglia, è un lettore attento di Ha Keillah cui negli scorsi anni ha contribuito con alcuni suoi scritti. In occasione della morte della sorella Ilda, deceduta a Torino il 19 dicembre 2020, Gustavo Jona ha voluto ricordarla con una generosa offerta al nostro giornale. Nel nome di Ilda un forte e sentito grazie.


  Vignetta di Davì

 

Share |

 Il contatore è attivo dal 15.11.2015 

contatori visite