partecipiamo alla vita della comunità ebraica !    partecipiamo alla vita della comunità ebraica !    partecipiamo alla vita della comunità ebraica !    partecipiamo alla vita della comunità ebraica !    partecipiamo alla vita della comunità ebraica !

   IL GRUPPO DI STUDI EBRAICI        IL BIMESTRALE        NUMERI ARRETRATI        LA REDAZIONE        LINKS        CONTATTI      VIGNETTE  

Ha Keillah

Bimestrale ebraico torinese
Organo del Gruppo di Studi Ebraici

  NEWS: notizie, attualità, appuntamenti...
  Agg.to: 23/04/2014 

 

 

numero 5
dicembre 2013 - tevet 5773

numero 1
febbraio 2014 - adar 5774


tematica

titolo

autore

Prima
pagina
Ebraismi Anna Segre

Bioetica e Halakhà

Emilio Hirsch

Morte per acqua

Francesco Ciafaloni

Italia Minima moralia Barbara Spinelli
da "La Repubblica, 27 novembre 2013"
Ebraismi

Intervista a Rav Fuchs
Le differenze non sono un problema

Intervista a cura di Anna Segre

Intervista a Rav Piha
Un Lubavich tra noi

Intervista a cura di David Terracini
Storie di ebrei torinesi

Ornella Sierra

Intervista a cura di Paola De Benedetti

Elena Ottolenghi

Intervista a cura di David Terracini
Israele

Jstreet e Jcall

Ebrei americani ed europei in sostegno a “due popoli - due stati”

Giorgio Gomel

Non finirà finché non ci parliamo

Alessandro Treves

Di ritorno dal campo estivo

Shulamit Treves

Teatroterapia

Giordana Tagliacozzo

Jcall scrive a Letta

il Consiglio direttivo di JCALL-Italia

Blocknotes

Reuven Ravenna

Turismo d’occupazione Tra West-Bank e Israele, il divisorio: arte, politica di resistenza e dimenticanze nei trattati di pace

Livia Tagliacozzo

 

Germania

Un paese normale

Brunello Mantelli

Libri

Wir sind so weit...
(Noi siamo così lontani...)

Emilio Jona

Ancora su Sand Michele Rosemberg

La famiglia De Rossi

Reuven Ravenna

 

Rassegna

A cura di Enrico Bosco (e)
e Silvana Momigliano Mustari (s)
Con la collaborazione
della Libreria Claudiana
Film Il Mundial dimenticato Anna Segre
Notizie

Ebrei a Ferrara

 

Le immagini di Marina Falco Foa riportate nelle pagine interne di questo numero sono state esposte nella mostra Hora Ve-Simcha, Luce e gioia, che ha avuto luogo al Museo Ebraico di Bologna tra il 30 ottobre e il 20 novembre

 


Grazie!


La redazione

di Ha Keillah

ringrazia calorosamente

i lettori

che ci hanno sostenuto

con le loro

generose offerte
 


tematica

titolo

autore

Prima
pagina
Lettera da Parigi
Dieudonné e dintorni
Nata Rampazzo
I torbidi del ghetto Aldo Zargani
Non solo Roma HK
Un'intervista mancata  
Roma Perché percuoti tuo fratello?
Cronaca dei fatti di via Balbo
David Calef
Roma e Itamar Giorgio Gomel
Torino Agli iscritti Alda Guastalla
Bastava informarsi meglio dall'editoriale di Eugenio Scalfari del 29 dicembre 2013, La rivoluzione di Francesco ha abolito il peccato  
Scuole Memoria ad Oulx Bruna Laudi
Primo Levi in Calabria Fabio Levi
Riflessioni Buonismo... pietismo
O l'orgoglio dell'immoralità
Silvana Calvo
Storie di ebrei torinesi: avvocati Alida Vitale Intervista a cura di Paola Debenedetti
Giuseppe Di Chio Intervista a cura di David Terracini
Israele Sharon, Aloni, Alon Israel De Benedetti
Sharon, icona doppia Anna Segre
Blocknotes Reuven Ravenna
Domande da incompetenti Marco Maestro
Un futuro in serbo per noi? Alessandro Treves
Mobilitazioni per la pace  
Minima Moralia "da Yehuda Amichai, Gli ebrei"  
Libri Sinistra e Israele Enrico Bosco
Un amore nella bufera Cesare Alvazzi Del Frate
L’antisionismo debole Gavriel Segre
Salvatori e salvati Cesare Alvazzi Del Frate
Rassegna A cura di Enrico Bosco (e)
e Silvana Momigliano Mustari (s)
Con la collaborazione
della Libreria Claudiana
Lettere Libertari, squadristi e teste di maiale Sandro Ventura
Ricordi Una vita: da Torino a Gerusalemme
Linda Levi Valabrega 1914-2014
Reuven Ravenna
Massimo Foa, testimone e letterato Giulio Disegni
Notizie Beth Hillel

 

Nuova entrata per l’ospedale Alyn  


I disegni riprodotti in questo numero sono di Ben Shahn (1898-1969), artista ebreo di origine lituana, immigrato negli Stati Uniti all’età di otto anni con la famiglia. Suo padre era stato esiliato in Siberia dal 1902 al 1906 per sospette attività rivoluzionarie. Dopo esperienze di apprendistato in litografia, dopo studi universitari in biologia e design e diversi viaggi in Europa, Ben Shahn si è impegnato nella pittura, la grafica e la fotografia di impegno sociale, appoggiando l’attività politica del New Deal del presidente Roosevelt. Temi scottanti quali il degrado della vita urbana, l’immigrazione, lo sfruttamento dei lavoratori sono trattati con profonda partecipazione, usando una tecnica realistica ed espressionista ad un tempo, in polemica con le tendenze astratte contemporanee
.


 

Le vignette nelle pagine interne sono di David Terracini


Disegno di Stefano Levi Della Torre


 


Share |